Milano si racconta, alla vigilia dell'Esposizione Internazionale

Casa Laugier

Scritto da Carlo Cazzaniga • Martedì, 28 giugno 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi

Casa Laugier, costruita nel 1905 dall'architetto Tagliaferri & Giovan Battista Casati per conto di una ricca famiglia originaria della Valle d'Aosta, è un importante esempio di Liberty.

Si caratterizza per il contrasto tra il rosso dei mattoni a vista, l'uso decorativo del cemento, le ceramiche dipinte a motivi floreali, i ferri battuti dei balconi, le teste di leone in cemento al piano nobile.

Da segnalare che, dalla sua costruzione, il palazzo ospita una farmacia, il cui arredo ligneo interno, in stile Liberty e coevo della Casa, è tuttora in uso.

Un riferimento della casa, è presente all'interno del museo del risorgimento.

Ritratto su una tela di grandi dimensioni, l'edificio è raffigurato con una barricata all'incrocio con Corso di Porta Vercellina in occasione della rivolta delle Cinque Giornate, nella quale risulta già presente la farmacia menzionata.


Translate to en


>>Continua a leggere "Casa Laugier"

34381 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Palazzo Dugnani

Scritto da Carlo Cazzaniga • Mercoledì, 4 maggio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi



Palazzo Dugnani fu edificato nel 1600 ma rimaneggiato un secolo piu' tardi in occasione di interventi di restauro.

Palazzo Dugnani, dapprima dimora patrizia, diviene di proprietà del Comune di Milano a metà dell'ottocento; oggi ospita il Museo del Cinema, i Laboratori delle Serre ed alcune mostre annuali.

All'interno di Palazzo Dugnani si possono ammirare i bellissimi affreschi presenti sui muri delle sale realizzati da Ferdinando Porta, da Gian Battista Tiepolo e da artisti della Scuola Veneta del Settecento.
Palazzo Dugnani si affaccia sul Naviglio ed è formato da un portico al piano terra con tre campate da cui si accede ad una scalinata.


Translate to en


>>Continua a leggere "Palazzo Dugnani"

22102 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Palazzo Belgioioso

Scritto da Carlo Cazzaniga • Lunedì, 25 aprile 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi

Palazzo Belgioioso, opera di Giuseppe Piermarini, viene considerato come una delle migliori espressioni dell'architettura neoclassica a Milano, assieme al Teatro alla Scala.

Fu iniziata nel 1772 e terminata nel 1787.
All'epoca il Piermarini era responsabile della riconversione urbanistica di Milano secondo lo stile neoclassico.

Per Palazzo Belgioioso si ispirò al modello di Luigi Vanvitelli della Reggia di Caserta, rielaborandolo e semplificandolo attraverso l'utilizzo di lesene piatte nella fascia superiore dell'edificio, lasciando così lo stile barocco teresiano ed introducendo lo stile che dominerà la trasformazione urbanistica di Milano negli anni successivi.
Le lesene scandiscono verticalmente l'andamento orizzontale del fronte del palazzo, sottolineato dal motivo della muratura a linee parallele.

Il Piermarini, che era anche architetto di corte, si occupò della realizzazione del progetto partendo proprio dalle facciate, simmetriche e scandite ciasacuna dalla presenza di venticinque finestre e tre portoni d'ingresso.

Il fabbricato si svolge attorno ad un cortile centrale e ad altri minori di servizio ai lati.
Nel cortile maggiore corrono due ali di porticato ad archi su colonne doriche di granito; sopra le arcate si trovano finestre a cimasa piana riccamente decorata nel fregio con corone, acquile, palme e festoni.

Dalla testata destra del portico si accede al grandioso scalone a due rampe, con parapetto e balaustre e grandi vasi decorativi avente le parenti scompartite da lesene ioniche.

Translate to en


>>Continua a leggere "Palazzo Belgioioso"

6246 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Palazzo Borromeo

Scritto da Carlo Cazzaniga • Domenica, 24 aprile 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi

La costruzione del palazzo risale alla fine del XIII secolo, per volere della famiglia Borromeo, famiglia di origine fiorentina che, trasferitasi a Milano, divenne una delle più importanti e influenti della città, anche grazie alle collaborazioni con l'allora duca Francesco Sforza.

Dal singolo palazzo sarebbe cresciuta poi una sorta di cittadella di proprietà della famiglia, dove questa organizzava feste e tornei.
Già poco tempo dopo il suo completamento, il palazzo era frequentato da studiosi e visitatori stranieri venuti ad ammirare la ricca galleria d'arte all'interno.

Il palazzo ha un'impostazione tardogotica, tuttavia l'opera nel suo complesso risente di numerosi rimaneggiamenti nel corso degli anni, dovuti principalmente ai bombardamenti che la città subì durante la seconda guerra mondiale.

La facciata è in mattone a vista ed è centrata sul portale in cui si alternano conci di marmo bianco di Candoglia e marmo rosso di Verona, coronato da un archivolto con tralci di vite e foglie di quercia scolpite nella pietra.

Dell'originale progetto trecentesco si possono notare le finestrelle quadrate a forte strombatura.


Translate to en


>>Continua a leggere "Palazzo Borromeo"

15267 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Palazzo Litta

Scritto da Carlo Cazzaniga • Sabato, 23 aprile 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi

Palazzo Litta, sede della Direzione Regionale, ha riscoperto la propria vocazione a rappresentare uno spazio di promozione culturale nel centro di Milano, attraverso l'organizzazione di attività di grande richiamo, quali mostre, spettacoli, seminari e convegni.

Sede di uno dei più antichi teatri della città, Palazzo Litta e sede anche di una fondazione creata appositamente per la sua tutela.

La storia costruttiva di palazzo Litta è strettamente legata alle vicende della famiglia Arese e dei suoi successori: sui vari passaggi di proprietà dell’edificio si sono espressi molti autori.

Committente dell'edificio fu Bartolomeo Arese (1610-1674), personalità notevole dell'epoca, che rivestì importanti cariche nelle corti di Spagna e di Milano, tra le quali quella di presidente del Senato e quella di presidente della Magistratura Ordinaria.

Nel 1874, due secoli dopo la morte di Arese e poco più di un secolo dopo gli interventi di Bolli e Merlo, si registra l’ultimo passaggio di proprietà: il 27 gennaio il palazzo venne messo all'asta.

Ad aggiudicarselo fu la Società Ferroviaria dell’Alta Italia, per una cifra di L. 1.610.000 a fronte di una base d’asta di L. 2.338.000.


Translate to en


>>Continua a leggere "Palazzo Litta"

79869 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

I tre cilindri di Via Gavirate

Scritto da Carlo Cazzaniga • Sabato, 26 febbraio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi

Tre grandi cilindri sospesi sulla strada.
Così si presenta questa originale architettura realizzata da Angelo Mangiarotti e Bruno Morassutti alla fine degli Anni '50 (1956-1959) per accogliere abitazioni collegate da un pianerottolo centrale.

Ciascuno dei tre corpi di fabbrica è sostenuto da un solo pilastro a fungo che accentua la sensazione di leggerezza.

Tutti gli appartamenti presentano piante circolari.
Le pareti divisorie delle singole unità si diramano a partire dal centro del cerchio.

Interessanti le superfici esterne, caratterizzate da infissi a tutta altezza in vetro per le finestre e in legno per le superfici opache.


Translate to en


>>Continua a leggere "I tre cilindri di Via Gavirate"

16163 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Villa Faccanoni, poi Villa Romeo

Scritto da Carlo Cazzaniga • Sabato, 19 febbraio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi

Insieme a Palazzo Castiglioni, è questa una fra le opere più conosciute del maggior esponente dell'architettura liberty milanese.

Fu nominata inizialmente Villa Faccanoni, poi Villa Romeo, ora Villa Columbus, sede dell'omonima clinica.

Nelle opere di Sommaruga sono fuse, insieme al linguaggio floreale che rieccheggia espressioni tipiche dell'art nuveau europea, anche motivi rococò e barocchi, che qui si compongono in un linguaggio eclettico e nel volume fortemente squadrato della costruzione.

Una cura molto particolare si è avuta per le notevoli decorazioni in ferro battuto che completano i balconi, dovute alla collaborazione dello stesso Sommaruga con Mazzuccotelli.

Da notare sul fianco dell'edificio, le due grandi sculture di figure muliebri, che Sommaruga vi trasportò da Palazzo Castiglioni, al quale erano originariamente destinate, spostandole in luogo più riservato, in virtù dello scandalo suscitato in città, dalla presenza dei loro corpi dalle vesti discinte.




Translate to en


>>Continua a leggere "Villa Faccanoni, poi Villa Romeo"

14025 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Palazzo Visconti Abbiate

Scritto da Carlo Cazzaniga • Mercoledì, 16 febbraio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Palazzi

Il palazzo fu fatto costruire nella seconda metà del XVI secolo da un discendente diretto dei duchi di Milano, Prospero Visconti, parente di Gaspare Visconti, arcivescovo di Milano tra i due Borromeo.

La realizzazione, avvenuta tra il 1589 e il 1602, secondo Giovan Paolo Lomazzo (1538-1600) sarebbe dell’architetto Giuseppe Meda (?-1599), ma questa attribuzione è stata ridimensionata.

Pare infatti che il progetto sia da far risalire piuttosto a Pellegrino Tibaldi, che il Meda avrebbe sostituito solo dopo il 1586.
L’edificio era costituito intorno a due cortili, come attestano i due portali, separati dallo scalone d’onore.

Prototipo del palazzo civile seicentesco, la sua facciata è caratterizzata da quattordici busti raffiguranti altrettanti membri della famiglia Visconti inseriti nei timpani dei finestroni del piano nobile.
Colpito da alcune bombe incendiarie la notte del 15 agosto 1943, l’edificio fu quasi completamente distrutto negli interni, restarono infatti in piedi solo la facciata verso via Lanzone e parte del cortile monumentale.
Andarono così perduti i vasti saloni decorati, in parte trasformati in età neoclassica.


Translate to en


>>Continua a leggere "Palazzo Visconti Abbiate"

16067 hits
Dove si trova?: Guarda sulla mappa
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!