Milano si racconta, alla vigilia dell'Esposizione Internazionale

Expo, sottoscritto l'accordo sui terreni

Scritto da Carlo Cazzaniga • Martedì, 12 luglio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa

I vertici di Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comuni di Rho e Pero, della società Expo 2015 e di Poste Italiane hanno sottoscritto martedì mattina nella sala del Consiglio d'Amministrazione di Expo il verbale dell'accordo di programma urbanistico per le aree di Expo 2015.

L'accordo, praticamente identico alla bozza già elaborata, prevede che al termine della manifestazione internazionale almeno il 56% della superficie totale delle aree occupate venga «destinato a verde» mentre il resto dei terreni avrà una funzione d'uso prevista direttamente dall'accordo e interamente a servizio dei cittadini lombardi (circa 450mila mq sui quali dovrebbe sorgere il parco più grande d'Europa).

L'accordo fissa inoltre un indice di edificabilità di 0,52 mq.

Soddisfazione è stata espressa dai partecipanti all'incontro. Tutti hanno evidenziato come questo passaggio rappresenti un tassello fondamentale per entrare nel vivo della fase operativa dell'Esposizione universale.

Un tassello a cui dovranno seguirne altri, ma che - con l'atteso via libera dalle Giunte e dai Consigli delle Istituzioni locali - porterà già il 3 agosto il Cda della società Expo a lanciare la prima gara d'appalto.

Translate to en


>>Continua a leggere "Expo, sottoscritto l'accordo sui terreni "

Tags:
8945 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Controversia terreni expo: un bando di gara per eliminare le interferenze

Scritto da Carlo Cazzaniga • Venerdì, 8 luglio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa

Expo e terreni: una diatriba ormai vetusta da risolvere attraverso un bando.
A pubblicarlo è la Reuters a seguito di una riunione avvenuta tra gli organi del consiglio di amministrazione di Expo2015.


MILANO (Reuters)
Il bando di gara per eliminare le interferenze nei terreni su cui sorgerà l'Esposizione universale del 2015 a Milano sarà pubblicato entro la prima settimana di agosto.

Lo ha confermato oggi il consiglio di amministrazione di Expo 2015, dopo che la scorsa settimana il capo del Bureaux international des Expositions Vicente Loscertales, in visita a Milano, ha ribadito che se non si faranno le gare di appalto entro la fine del mese e non inizieranno i lavori sulle aree ad ottobre l'Expo potrebbe essere a rischio.

Il cda, spiega una nota, ha anche approvato l'avvio di una procedura di gara per l'affidamento dei servizi di consulenza direzionale e strategica per un valore complessivo di 8,6 milioni di euro, sul quale Expo chiederà ai concorrenti di accettare un 20% mediante l'erogazione di servizi in natura.

Il cda ha anche esaminato e approvato la situazione economica e patrimoniale al 31 maggio 2011, che prevede un risultato gestionale negativo per 7,1 milioni di euro, in miglioramento di 5,1 milioni di euro rispetto al budget approvato a dicembre 2010.

Translate to en


>>Continua a leggere "Controversia terreni expo: un bando di gara per eliminare le interferenze"

Tags:
8125 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Expo: nella manovra norme per velocizzare i lavori

Scritto da Carlo Cazzaniga • Mercoledì, 6 luglio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa

Ansa- Milano 05/07/11.

In attesa che il governo nomini il commissario straordinario per Expo 2015, arrivano nella manovra due norme per sveltire i lavori visto che i tempi sono ormai stretti.

Nel testo è previsto, infatti, che per le opere di preparazione e realizzazione del sito possano essere ridotte le aree di rispetto, un modo quindi per sfruttare appieno l'area dove saranno costruiti i padiglioni.

Ma soprattutto per la realizzazione 'tempestiva' delle opere essenziali, la manovra prevede che i giudici, in sede di sospensiva, tengano conto dell'interessa nazionale alla realizzazione delle opere.

Questo significa, in pratica, che in caso di ricorsi i lavori non dovrebbero comunque essere sospesi in via cautelativa.
Resta ancora da definire il nodo del commissario.

Anche oggi il presidente della Provincia, Guido Podestà, ha caldeggiato la nomina del sostituto di Letizia Moratti.
"Io nominerei un commissario domani mattina" ha detto facendo il nome di Roberto Formigoni, il presidente della Lombardia.

Translate to en


>>Continua a leggere "Expo: nella manovra norme per velocizzare i lavori"

Tags:
2627 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Nuovo allarme del Bureau: «Gare a luglio o Expo a rischio»

Scritto da Carlo Cazzaniga • Venerdì, 1 luglio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa

«Non c'è mai stata l'intenzione di fare 150 orti tutti uguali. Le persone non vengono a un'esposizione universale per vedere solo un grande orto. Quello era un concetto di partenza che è stato sviluppato in modo adeguato nel masterplan di Expo».

Le parole pronunciate ieri da Vicente Loscertales, segretario generale del Bie in visita per due giorni a Milano, dovrebbero mettere definitivamente fine alle polemiche delle ultime settimane sull'aspetto del sito di Expo 2015 alimentate dal neo assessore del Comune di Milano Stefano Boeri che in qualità di architetto consulente di Expo 2015 Spa in passato aveva contribuito a delineare proprio il layout del sito.

Progetto poi modificato in corso d'opera con compresenza di orti e padiglioni anche su indicazione dei paesi partecipanti.

Loscertales, che ha incontrato separatamente il governatore Roberto Formigoni, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e il presidente della provincia di Milano Guido Podestà si è detto soddisfatto perché si è sbloccato l'impasse sui terreni.
«Senza i terreni c'era un problema di credibilità.
I paesi davano l'adesione all'esposizione senza avere certezze. La società Arexpo è la soluzione ideale.
Ora la priorità è il lancio della prima gara entro luglio e l'inizio dei lavori in ottobre.
Se non si fa così Expo è a rischio, perché restano tre anni per fare tutto». Bene i passi in avanti, quindi, ma il segretario generale ribadisce l'ammonimento lanciato a metà giugno in occasione dell'assemblea del Bie.

Translate to en


>>Continua a leggere "Nuovo allarme del Bureau: «Gare a luglio o Expo a rischio»"

Tags:
33197 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

expo 2015: secondo la Reuters la situazione è agli estremi

Scritto da Carlo Cazzaniga • Giovedì, 30 giugno 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa

MILANO (Reuters)

- Il segretario generale del Bie Vicente Loscertales ha definito oggi la situazione per Expo 2015 "estrema" ribadendo che se non si seguirà la tabella di marcia, che prevede per luglio il lancio delle gare di appalto e per ottobre l'inizio dei lavori di bonifica delle aree, potrebbe esserci un rischio per l'esposizione a Milano.

"Ci sono solo tre anni per fare le infrastrutture e per garantire un'area che ospiti 150.00 visitatori al giorno per sei mesi", ha detto Loscertales, capo dell'organismo internazionale per le esposizioni, al termine di un incontro con il presidente della Regione Roberto Formigoni, dando il via a due giorni di meeting a Milano con le varie istituzioni coinvolte nell'Expo, aggiungendo che "se non si fa così, è un rischio".
Translate to en


>>Continua a leggere "expo 2015: secondo la Reuters la situazione è agli estremi"

Tags:
5255 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Expo e nuova amministrazione: a Boeri una delega dimezzata

Scritto da Carlo Cazzaniga • Venerdì, 17 giugno 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa

Prime fasi a seguito dell'inserimento della nuova amministrazione a Palazzo Marino: a Boeri una delega dimezzata, mentre Pisapia si occuperà di area e gestione.

E' quanto riporta oggi corriere.it alla luce del compromesso raggiunto in giunta dopo le polemiche sui terreni.

Una formula che, volutamente, lascia ancora margini di movimento.
E che, di conseguenza, mette sotto il tappeto qualsiasi contrasto finora emerso su chi farà cosa.

Ma il non detto, invece, è abbastanza chiaro: Stefano Boeri, l’architetto capolista del Pd diventato assessore della giunta Pisapia, si occuperà sì di Expo, ma perdendo metà delle deleghe, ovvero la possibilità reale di essere l’interlocutore per conto del Comune nella partita sui terreni e sul futuro, incerto, parco agroalimentare che sarà l’eredità dell’Esposizione.

Translate to en


>>Continua a leggere "Expo e nuova amministrazione: a Boeri una delega dimezzata"

Tags:
2083 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Terreni expo: soci pubblici al comando con il 51%

Scritto da Carlo Cazzaniga • Lunedì, 11 aprile 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa

Pronta la newco: il resto della quota andrà a Cabassi e Fiera.
Il sindaco verso il sì: "Non perderà nessuno, vincerà Milano".

Quote pari per Comune, Regione e Provincia: una spesa di 60 milioni.
Una società di scopo dove comandano alla pari gli enti pubblici e il 49 per cento è in mano ai signori di Rho-Pero, ovvero i proprietari privati di quel milione di metri quadrati su cui si terrà l’Expo.

Una spa che diventerà una gallina dalle uova d’oro, avendo come capitale le aree da far fruttare dopo il 2015, con il preziosissimo quartiere che sorgerà dopo aver smantellato i padiglioni.

Eccolo, il capolinea della telenovela-terreni: niente comodato d’uso scelto dal Comune, sì alla newco ostinatamente voluta dalla Regione.

Translate to en


>>Continua a leggere "Terreni expo: soci pubblici al comando con il 51%"

Tags:
2052 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Aree Expo, si tenta l'acquisto

Scritto da Carlo Cazzaniga • Lunedì, 4 aprile 2011 • Commenti 0 • Categoria: Rassegna Stampa
Appare oggi, su Corriere.it, l'intervista all'On. Letta in merito al contenzioso delle ultime settimane su Expo 2015.
Al centro dello scontro i terreni, argomento che martedì sarà oggetto di una decisione alternativa, forse quella dell'acquisto.
«Finché ci sono stati il governo Prodi e Penati in Provincia, Moratti e Formigoni cooperavano tra loro. Quando tutte e quattro le istituzioni sono finite in mano al centrodestra è esploso lo scontro e hanno paralizzato tutto».
L'onorevole Enrico Letta era sottosegretario alla presidenza del Consiglio quando, nel 2006, il Consiglio dei ministri finanziò 5 milioni per sostenere la candidatura di Milano per l'Expo 2015.

Tre anni dopo la vittoria su Smirne i soci pubblici non hanno ancora deciso per la titolarità dei terreni.
Martedì arriverà il parere dell'Agenzia del Territorio sul comodato d'uso: ma potrebbe non essere ancora decisivo e si sta pensando a un piano B. Mercoledì si riunisce il cda per discutere di bilancio.
E intanto, giusto per aggiungere tranquillità, il presidente della Camera di Commercio Italafrica Alfredo Cestari ha paventato ieri che la crisi libica possa indurre diversi Paesi africani alla defezione.
Translate to en


>>Continua a leggere "Aree Expo, si tenta l'acquisto"

Tags:
2024 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!