Carie dentali: prevenzione e cura

Praticare una buona igiene orale ed effettuare regolari visite dentistiche, è un ottima abitudine per prevenire le carie dentali.

Non aspettate di avere un mal di denti per iniziare a prendervi cura del vostro cavo orale!

Tutti possono essere affetti da carie dentali, ma è un problema frequente soprattutto nei bambini e nei giovani. Se non trattata adeguatamente, la carie può infettarsi tanto da portare alla perdita dei denti.

 Carie dentale: cosè?  La carie dentale si sviluppa grazie allazione di  batteri normalmente presenti nella bocca; questa tipologia di batteri si nutrono di particelle di cibo che trovano nel cavo orale e producono degli acidi come loro sottoprodotto. La combinazione di batteri, residui di cibo, acido, e saliva nella bocca forma una sostanza vaporosa che si deposita sui denti: la placca batterica

Se la placca non viene rimossa in fretta, si crea il terreno fertile per lo sviluppo della carie dentale. Con il tempo, la placca si indurisce trasformandosi in una sostanza simile a un minerale chiamato tartaro, che è molto più difficile da rimuovere. Sia il tartaro che la placca, col passare del tempo, possono essere causa di malattie che colpiscono le gengive come la  gengivite e la parodontite.

A parte il problema delle malattie gengivali, laccumulo di placca influisce anche sulla superficie dello smalto protettivo dei denti, portando alla formazione di carie. Inizialmente, le carie dentali sono indolori, tuttavia, se non trattate, possono diventare più grandi e compromettere i nervi sensibili e vasi sanguigni presenti allinterno del dente. Se un ascesso o un altra infezione si sviluppa allinterno del dente può seriamente compromettere la salute del dente fino a distruggere le sue capacità vitali e determinarne la perdita.

I colpevoli della carie dentale   Conosciuti anche come carboidrati, amidi e zuccheri sono gli alimenti che favoriscono, più degli altri, la carie; anche i cibi che hanno consistenza appiccicosa promuovono la  carie, perché aderiscono alla superficie dei denti e stimolano lattività batterica. Inoltre, anche il consumo abituale di aperitivi ci espone ad un rischio maggiore di carie, perchè la placca si forma con più frequenza.

Anche se le carie dentali sono più comuni nelle persone più giovani, gli adulti non ne sono immuni. Con letà, le malattie che colpiscono le gengive si verifica più frequentemente delle carie dentali. I danni alle gengive, a causa delleccesso di placca, espongono le radici dei denti che li rende più vulnerabili alle carie. Inoltre, le otturazioni già vecchie spesso si deteriorano e permettono ai batteri di accumularsi, con conseguente aumento di carie dentali.

Quando le carie devono essere curate?   La maggior parte delle carie dentali si diagnosticano quando sono di piccole dimensioni, durante le regolari visite odontoiatriche. A volte, il vostro dentista può scoprirle  usando i raggi X (radiografie o panoramiche) anche prima che siano visibili allocchio umano.

Laumento della sensibilità quando mangiamo cibi dolci e lassunzione di  bevande calde o fredde possono essere dei chiari indicatori della presenza di possibili carie. Se si riscontra una certa la sensibilità dei denti, o dolore, è il momento di visitare il vostro dentista per un esame di controllo e verificare se la causa di questi fastidi possa essere la carie. Una volta che è stata riscontrata la carie dentale, ci sono varie opzioni di trattamento che includono le otturazioni, le corone o le endodonzie, a seconda della gravità.  l trattamento più comune è lotturazione, che inizia con la rimozione delle parti del dente danneggiate e continua con il riempimento di una resina composita, lega di argento, oro, ceramica o altri materiali.

Se la carie è grave, può essere necessario impiantare una corona per rinforzare il dente danneggiato; la parte deteriorata  viene rimossa, e la corona può essere posizionata sopra la struttura dentale residua.

Se la carie è diffusa fino alla radice del dente, può essere necessario intervenire con unendodonzia; con questa procedura, il tessuto nervoso e vasi sanguigni vengono rimossi. Il canale viene disinfettato e lasciato guarire. Successivamente, permanente si effettua unotturazione permanente e, se necessario, si completa il trattamento con limpianto di una corona, dipendendo da quanto il dente è stato danneggiato.

La prevenzione della carie dentale   Il modo migliore per prevenire la carie dentale ed i problemi ad essa associati è, indubbiamente, quello di praticare una buona igiene orale. Spazzolino e filo interdentale usati regolarmente, controlli odontoiatrici periodici, preferibilmente due volte lanno, aiutano a diagnosticare in tempo eventuali problemi e poter intervenire in maniera tempestiva.

This entry was posted in Salute. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*